• lessolo1Nella giornata di giovedì 12 giugno si sono messe le basi per lo spostamento della scuola primaria di Lessolo nei locali e negli spazi dell’attuale scuola media.

  • Idea che era stata avanzata già lo scorso anno dal dirigente Scolastico all’Amministrazione Comunale e che ha trovato oggi la risposta entusiasta del neo Sindaco Elena Caffaro che aveva fatto dello spostamento della scuola uno dei punti di forza della propria campagna elettorale.

  • Prima ai docenti delle scuole primarie e medie e successivamente a più di  un centinaio di genitori il Dirigente Scolastico l'arch. Antonio Balestra ed il Sindaco di Lessolo Elena Caffaro hanno presentato il piano di razionalizzazione degli spazi della scuola che dal prossimo settembre ospiterà le otto classi della primaria   e delle medie. Erano presenti fra gli altri la vicepreside dell’istituto la prof.ssa Paola Borriello, i consiglieri di maggioranza Devis Oberto Tarena e Loris Melan ed il consigliere di minoranza Fiò Bellot.

  • La bozza del piano sarà oggetto di approfondimento il prossimo martedì da parte di una commissione congiunta della quale faranno parte, fra l’altro, due genitori e quattro docenti (della primaria e  delle medie).

  • Nel presentare il progetto che è alla base dello spostamento il Dirigente Scolastico ed il Sindaco hanno esposto i punti salienti dell’idea ed i relativi vantaggi che possono essere sintetizzati nei seguenti punti:

      1. - Nell’ottica della costruzione del curricolo verticale, dell’ottimizzazione delle risorse e degli spazi la tendenza degli ultimi anni che ha visto e che vede coinvolti molti Sindaci (alcuni anche di comuni del nostro territorio) è quella della realizzazione di “poli scolastici”.

  • - La scuola assumerà una connotazione fortemente legata al territorio in senso verticale, come “scuola del paese” riducendo, prevedibilmente, i trasferimenti al termine della scuola primaria verso altre scuole. Fenomeno che, quest’anno, ha rischiato di compromettere l’organico della scuola media ed il mantenimento del tempo prolungato.Come emerge dai dibattiti degli ultimi anni i poli scolastici risultano essere l’unica soluzione per la gestione futura del sistema educativo dalle scuole dell’infanzia alle medie inferiori, per ogni comune di media grandezza. Così come i poli scolastici intercomunali per i comuni al di sotto dei 3000 abitanti.  Questo per ottimizzare in un momento di grave crisi, che vede coinvolti anche le amministrazioni comunali, le scarse risorse per l’adeguamento alle norme di sicurezza, per i costi delle manutenzioni urgenti, ecc.

    • - Gli alunni della scuola primaria potranno usufruire delle aule luminose e capienti presenti nell’edificio della scuola media, insieme ad uno spazio esterno maggiormente fruibile.

    • Il Sindaco ha garantito l’apertura degli spazi a verde alle spalle dell’edificio ed il collegamento con il polo sportivo in parte presente nell’area prospiciente la scuola.

    • Inoltre sarà reso fruibile agli studenti, dopo lavori architettonici opportuni l’ampio spazio soppalcato sopra la palestra adiacente all’edificio. Tale area potrà essere adibita a laboratori ed aule polivalenti.

    • - La fruibilità all’edificio e a tutti gli spazi risulterà maggiormente garantita nel rispetto della normativa in vigore, non essendo presenti nell’edificio, le numerose barriere architettoniche dell’attuale scuola primaria. Le vie di fuga in caso di incendio o terremoto saranno garantite dalla numerose uscite direttamente sul terreno esterno, essendo l’edificio su un unico livello a pieno terra.

    • - Gli stessi alunni della primaria avranno la possibilità di utilizzare la palestra adiacente alla scuola media senza la necessità di un lungo spostamento che necessità di due accompagnatori. Cosa che con l’organico attuale risulta improponibile e che, quest’anno,  è stato possibile garantire solo grazie alla disponibilità di alcuni genitori che hanno affiancato gli insegnanti nello spostamento.

    • - Da un punto di vista didattico sarà possibile iniziare a mettere in atto il curricolo verticale attraverso progetti che vedranno coinvolti contemporaneamente studenti della primaria e della secondaria di primo grado che condividerebbero spazi e tempi comuni.

      Nei doppi turni dell’utilizzo della mensa gli allievi della quinta primaria mangeranno insieme agli studenti delle tre classi delle medie in preparazione di un percorso di continuità che sarà attuato anche attraverso altri momenti di condivisione di momenti didattici  durante tutto l’anno scolastico.

    • - Sarà possibile ottimizzare le attrezzature presenti in entrambe le attuali scuole (computer, LIM, fotocopiatrici, attrezzature artistiche e scientifiche, ecc.) condividendole insieme a quelle di cui si prevede l’acquisto.

    • - La gestione del personale scolastico (collaboratori) oggi sottodimensionato nell’organico e suddiviso sui due plessi risulterà facilitato nel garantire i servizi di pulizia e assistenza specifica.

    • - Ci saranno evidenti vantaggi economici da parte dell’Amministrazione comunale in vari ambiti: gestione delle manutenzioni ordinarie e straordinarie, pulizia, riscaldamento, utenze varie, ecc.  e come ha affermato il Sindaco parte delle risorse che deriveranno da questi risparmi potranno essere dirottati sulle attività didattiche e sulle attrezzature della scuola

 

Verso il futuro

 

  • Nell’ottica della costruzione del curricolo verticale, dell’ottimizzazione delle risorse e degli spazi la tendenza degli ultimi anni che ha visto e che vede coinvolti molti Sindaci (alcuni anche di comuni del nostro territorio) è quella della realizzazione di “poli scolastici”.

  • Come emerge dai dibattiti degli ultimi anni i poli scolastici risultano essere l’unica soluzione per la gestione futura del sistema educativo dalle scuole dell’infanzia alle medie inferiori, per ogni comune di media grandezza. Così come i poli scolastici intercomunali per i comuni al di sotto dei 3000 abitanti.  Questo per ottimizzare in un momento di grave crisi, che vede coinvolti anche le amministrazioni comunali, le scarse risorse per l’adeguamento alle norme di sicurezza, per i costi delle manutenzioni urgenti, ecc.

 

    •  
  • lessolo3
Pubblicato in novità

                 AREA AMMINISTRATORI

                 AREA DOCENTI-ATA                 

 

contatore visite

635019
oggioggi807
TOTALE VISITATORITOTALE VISITATORI635019